Service design per le politiche giovanili
article image
NOW ONGOING

A primavera 2018 abbiamo iniziato con COOP Aeris un persorso di formazione sulla co-progettazione di un servizio di politiche giovanili in un contesto complesso.

COOP Aeris fa parte di un consorzio sociale che eroga servizi alla persona sul territorio di 29 Comuni della Provincia di Monza e della Brianza. Il progetto, in riferimento al quale siamo stati coinvolti come formatori, è il Piano Locale Giovani gestito su 12 Comuni, in intesa con 69 soggetti – da istituti scolastici alle imprese sociali

 

workshop service design con Coop Aeris

E’ scontato dire che si tratta di un contesto estremamente complesso, sia orizzontalmente per la varietà di soggetti istituzionali e non, sia verticalmente per le specificità delle macroazioni.

Che cosa può fare Slowd per chi progetta ed eroga questi servizi?

Nell'ambito dei servizi sociali, gli operatori possiedono fortissime conoscenze verticali, grazie ad anni di esperienza accumulata individualmente e tramandata nella cooperativa.

La volontà dell’azienda era che essi acquisissero le competenze orizzontali base di supporto alla progettazione ed alla gestione dei servizi; infatti sono numerose le forze che spingono gli erogatori di servizi verso l'approccio di design.

Progettare – o meglio co-progettare – servizi per il sociale permette di:

  • allineare gli obiettivi del progetto e la miglior esperienza possibile per le persone da coinvolgere;
  • adottare un approccio focalizzato sullo sviluppo umano della persona e sullo sviluppo della comunità (human-centered e community-centered) e di youth development;
  • far emergere le criticità e imparare continuamente da esse, anche oltre la durata del progetto;
  • cogliere le occasioni di miglioramento e di innovazione, captandole da tutti i soggetti coinvolti;
  • adattarsi ai contesti, gestire l’inatteso per sfruttarne le opportunità e non venirne travolti.

 

CH 18CoopAerisWS IMG 4109

 


"(…) l’approccio dello Human-Centered Design ci allontana dal designer come guru.
Ci porta ad un'importante professione nella quale abbiamo metodi sistematici per scoprire i veri bisogni delle persone e della società, per sviluppare delle proposte di soluzione, testarle e perfezionarle."

- Norman 2016

 

La formazione iniziale ha insistito sulle basi dell'approccio metodologico e di pensiero del design, affrontando gradualmente i contenuti teorici sfumandoli in esercitazioni pratiche molto concrete ed applicabili su casi reali, come la progettazione di una esperienza costruita intorno a precisi profili di utenti analizzandone le esigenze ed il potenziale, selezionando gli indicatori più efficaci e di impatto per condurne lo sviluppo e definirne la scalabilità, la replicabilità in contesti diversi e le modalità di aggiustamento continuo.

Parliamone

Troviamo la soluzione giusta, insieme.

Iniziamo
×